Quotidiano | Categorie: Politica, Lavoro

Contro il governo che ha ripristinato i voucher abolendo il referendum: il PCI Veneto aderisce alla manifestazione del 17 giugno

Di Note ufficiali Domenica 4 Giugno alle 10:25 | 1 commenti

ArticleImage

Dopo aver cancellato i voucher evitando, così, il referendum promosso dalla CGIL che aveva raccolto milioni di firme, il governo li ha ripristinati con nome diverso estendendoli alle imprese sotto i 5 dipendenti: inizia così la nota che pubblichiamo di seguito di Giorgio Langella, segretario regionale del PCI Veneto. Una decisione approvata in commissione con i voti di PD, FI, Lega, ALA, AP (ex NCD). La reintroduzione dei voucher, inoltre, fa parte della cosiddetta "manovrina" sulla quale il governo intende porre la fiducia. Una scelta che, oltre ad essere una vera e propria truffa ai danni dei cittadini, è palesemente anticostituzionale in quanto reintroduce, peggiorandolo, quello che era oggetto di referendum abrogativo.

Con questa scelta, inoltre, il PD si schiera con la destra più retriva e regala al padronato uno strumento che renderà ancora più precario il lavoro nel nostro paese. La reintroduzione, sotto falso nome, dei voucher altro non è che la "legalizzazione" del lavoro nero.
La CGIL ha indetto una manifestazione di protesta e di lotta per il 17 giugno. Per difendere e attuare la Costituzione, per un lavoro sicuro, garantito e giustamente retribuito, il Partito Comunista Italiano impegna tutte le strutture territoriali a contrastare la "legge truffa" che ripristina, di fatto, i voucher, dà il proprio appoggio alla lotta della CGIL e opererà per la massima partecipazione dei comunisti alla manifestazione del 17 giugno.
È necessario che le iniziative contro il governo, che è espressione del PD, si estendano in tutto il territorio nazionale e che si sviluppi un amplio fronte democratico che impedisca l'umiliazione di chi vive del proprio lavoro.

Leggi tutti gli articoli su: cgil, Referendum, Giorgio Langella, voucher, PCI Veneto

Commenti

Inviato Domenica 4 Giugno alle 20:21

Ma non si era detto che il komunismo era morto fin dal 1989. Si tratta di esumazione di cadavere già decomposto o di morto vivente? Nel secondo caso dovremo fare una macumba: rito propiziatorio di carattere spiritistico in cui, attraverso danza, canto e musica, si attiva il rapporto con gli spiriti degli antenati (il famoso spettro del komunismo già introdotto da K. Marx).
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Gli altri siti del nostro network
Pagine