Quotidiano | Categorie: Fatti

Anche la rotatoria dell'Auchan nel calderone Unesco

Di Pietro Zanella Venerdi 16 Giugno alle 12:58 | 2 commenti

ArticleImage

Non bastavano Borgo Berga, la caserma Dal Din e il Tav, nella questione Unesco finisce anche la rotatoria dell'Auchan. Il Comune ha da poco annunciato il progetto definitivo: non si tratterà di un mini rotonda come ipotizzato in passato, ma di una rotatoria a raso con diametro di 110 metri che verrà scavalcata dalla variante con un viadotto lungo 116 metri e alto 7 metri. Insomma un lavoro, oneroso e piuttosto "ingombrante". Niente di male, l'incrocio in discussione è al momento una macchina da incidenti che richiede di essere messa in sicurezza. Tuttavia, denunciano i Cristiani per la Pace e gli altri comitati "Unesco": "La valutazione del Viadotto è stato omesso dal Hia". In pratica i tecnici Unesco, non ne sapevano nulla.

Lo stesso si può dire del complesso che presto, poco lontano dal centro commerciale di Auchan, grazie ad un sistema di compensazioni potrebbe sorgere. "La nuova vasta zona che l'Auchan è stata autorizzata a cementificare  è limitrofa all'area della tangenziale ovest già attenzionata dall'Unesco sia nella H.I.A. che nell'Advisory Mission e rientra nelle aree dove l'Unesco chiede vengano al più presto fissate "nuove regole per prevenire lo sviluppo di ulteriori urbanizzazioni" denunciano in un comunicato i Cristiani per la Pace. La questione è di merito: le valutazioni del team di urbanisti non può essere comprensiva anche delle costruzioni future (caso a parte il passaggio del Tav per Vicenza e il Parco della Pace). I paletti- suggerimenti di Icomos, per stessa amissione del vicesindaco Jacopo Bulgarini D'Elci: "saranno qualcosa di cui tenere conto in futuro assieme a tutti gli enti territoriali coinvolti". Le regole di base per procedere allo sviluppo urbano, però, sono ancora tutte da scrivere.

 


Commenti

Inviato Venerdi 16 Giugno alle 15:56

Variati e kompagni pensano sempre in grande, troppo perchè si possa fare.
Preghiamo e sollecitiamo a farlo coloro che lo hanno votato come i cristiani cosiddetti per la pace perchè non ne votino la continuità qualsiasi nome abbia!
Inviato Venerdi 16 Giugno alle 20:18

Non è che l'Unesco sia chissà cosa.. è solo un ente che entra ed esce dai Muri degli altri, è che si ferma troppo sul mio Muro e non ne ha diritto, perché dovrebbe occuparsi di cultura, invece si occupa di "scultura".
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Gli altri siti del nostro network
Pagine